Regionali: quanto vale l’alleanza M5S-PD?

A poche settimane dalle elezioni regionali umbre cui seguiranno quelle di Emilia-Romagna e Calabria, da più parti si avanza l’ipotesi di riprodurre l’alleanza che sostiene il secondo governo Conte anche a livello regionale. Questa sarebbe una novità importante, basti ricordare che in tutte le elezioni locali e regionali svolte quando Lega e M5S governavano insieme il Carroccio ha sempre scelto di presentarsi con Forza Italia e Fratelli d’Italia (Meloni). Da quanto partirebbe sulla carta una coalizione M5S-PD-LEU nelle elezioni in cui si voterà a breve? Prendendo i risultati delle ultime elezioni regionali avremmo la seguente situazione:

In tutte e tre le situazioni regionali, aggregando i voti di PD e M5S l’esito diventa contendibile ma non certo. Conti alla mano, in Umbria anche sommando i voti presi alle europee, l’ipotetica coalizione partirebbe sotto di alcuni punti. In Emilia-Romagna e Calabria, invece, prevarrebbe di pochissimo.

Tutto ciò, ovviamente, sulla carta. Come reagirà il corpo elettorale all’alleanza e quale giudizio verrà espresso sui candidati presidenti in corsa sono le due variabili decisive e ad ora non prevedibili.

 

Precedente Conte Uno vs. Conte due: parole a confronto Successivo Friday for future, la mappa della protesta nel mondo. Il primato italo-tedesco.