Popolazione italiana e immigrati, regione per regione

Dopo aver visto il dato generale Istat sulla popolazione residente in Italia e l’impatto degli stranieri residenti, c’è un altro dato del Bilancio Demografico Nazionale 2017 che merita attenzione, cioè il dettaglio delle singole regioni, la cui versione estesa si trova qui sul sito dell’Istat.

Vediamo innanzitutto il saldo di popolazione dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017 di tutte le regioni italiane con il relativo bilancio mortalità/natalità e tasso migratorio. Poi passiamo poi a vedere quanti e in che percentuale sono gli immigrati residenti nelle singole regioni.

SALDO POPOLAZIONE

Regioni Popolazione
al 01.01
Saldo naturale Saldo tra iscritti e cancellati Saldo complessivo Popolazione Totale

al 31.12

 

Piemonte 4.392.526 -22.711 6.050 -16.661 4.375.865
Valle d’Aosta-Vallée d’Aoste 126.883 -548 -133 -681 126.202
Lombardia 10.019.166 -20.447 37.539 17.092 10.036.258
Trentino-Alto Adige 1.062.860 389 4.399 4.788 1.067.648
Bolzano-Bozen 524.256 956 2.538 3.494 527.750
Trento 538.604 -567 1.861 1.294 539.898
Veneto 4.907.529 -12.851 10.359 -2.492 4.905.037
Friuli-Venezia Giulia 1.217.872 -6.383 4.049 -2.334 1.215.538
Liguria 1.565.307 -12.563 4.237 -8.326 1.556.981
Emilia-Romagna 4.448.841 -18.053 21.841 3.788 4.452.629
Toscana 3.742.437 -18.429 12.960 -5.469 3.736.968
Umbria 888.908 -4.673 405 -4.268 884.640
Marche 1.538.055 -7.780 1.478 -6.302 1.531.753
Lazio 5.898.124 -15.378 13.947 -1.431 5.896.693
Abruzzo 1.322.247 -5.963 -1.088 -7.051 1.315.196
Molise 310.449 -1.735 -221 -1.956 308.493
Campania 5.839.084 -6.345 -5.879 -12.224 5.826.860
Puglia 4.063.888 -10.318 -5.328 -15.646 4.048.242
Basilicata 570.365 -2.488 -759 -3.247 567.118
Calabria 1.965.128 -5.124 -3.317 -8.441 1.956.687
Sicilia 5.056.641 -12.879 -16.773 -29.652 5.026.989
Sardegna 1.653.135 -6.631 1.672 -4.959 1.648.176

TASSO CRESCITA NATURALE E TASSO DI CRESCITA TOTALE (INCLUDE TASSO MIGRATORIO)

 Regioni Tasso di natalità Tasso di mortalità Tasso migratorio Tasso di crescita naturale Tasso di crescita totale
interno estero estero stimato interno + estero
Piemonte 7,0 12,2 0,6 3,3 0,9 3,9 -5,2 -3,8
Valle d’Aosta-Vallée d’Aoste 7,2 11,5 -0,2 2,4 -0,7 2,1 -4,3 -5,4
Lombardia 7,9 9,9 1,3 3,6 2,4 4,9 -2,0 1,7
Trentino-Alto Adige 9,2 8,9 2,6 2,9 1,5 5,6 0,4 4,5
Bolzano-Bozen 10,2 8,4 3,1 2,6 1,8 5,7 1,8 6,6
Trento 8,3 9,4 2,2 3,2 1,3 5,4 -1,1 2,4
Veneto 7,5 10,1 0,8 2,8 1,3 3,7 -2,6 -0,5
Friuli-Venezia Giulia 6,7 11,9 1,6 3,4 1,8 5,0 -5,2 -1,9
Liguria 6,1 14,2 0,9 3,8 1,9 4,6 -8,0 -5,3
Emilia-Romagna 7,4 11,5 2,6 4,3 2,2 7,0 -4,1 0,9
Toscana 7,0 11,9 0,5 4,7 2,9 5,2 -4,9 -1,5
Umbria 6,9 12,2 -0,2 2,9 0,6 2,6 -5,3 -4,8
Marche 7,0 12,0 -0,1 3,1 1,0 3,0 -5,1 -4,1
Lazio 7,6 10,2 0,3 3,4 2,2 3,7 -2,6 -0,2
Abruzzo 7,2 11,7 -2,1 2,8 1,3 0,7 -4,5 -5,3
Molise 6,9 12,5 -4,1 6,7 3,3 2,6 -5,6 -6,3
Campania 8,6 9,7 -3,1 2,7 1,9 -0,5 -1,1 -2,1
Puglia 7,4 9,9 -2,2 1,7 1,0 -0,6 -2,5 -3,9
Basilicata 7,0 11,4 -4,2 3,8 3,0 -0,4 -4,4 -5,7
Calabria 8,0 10,6 -4,4 3,7 2,9 -0,7 -2,6 -4,3
Sicilia 8,2 10,8 -3,2 1,1 -0,1 -2,1 -2,6 -5,9
Sardegna 6,1 10,2 -0,8 2,2 1,9 1,4 -4,0 -3,0

IMMIGRATI PER REGIONE

REGIONI Stranieri residenti % sul totale stranieri residenti Variazione % sul 2016 Incidenza % sulla popolazione residente totale
Piemonte 423.506 8,2 1,1 9,7
Valle d’Aosta-Vallée d’Aoste 8.117 0,2 -1,7 6,4
Lombardia 1.153.835 22,4 1,3 11,5
Trentino-Alto Adige 94.947 1,8 1,8 8,9
Bolzano-Bozen 48.018 0,9 2,6 9,1
Trento 46.929 0,9 1,0 8,7
Veneto 487.893 9,5 0,5 9,9
Friuli-Venezia Giulia 106.652 2,1 2,3 8,8
Liguria 141.720 2,8 2,5 9,1
Emilia-Romagna 535.974 10,4 1,3 12,0
Toscana 408.463 7,9 2,0 10,9
Umbria 95.710 1,9 -0,2 10,8
Marche 136.045 2,6 -0,1 8,9
Lazio 679.474 13,2 2,5 11,5
Abruzzo 87.054 1,7 0,6 6,6
Molise 13.943 0,3 7,4 4,5
Campania 258.524 5,0 6,1 4,4
Puglia 134.351 2,6 5,0 3,3
Basilicata 22.500 0,4 8,3 4,0
Calabria 108.494 2,1 5,5 5,5
Sicilia 193.014 3,8 2,0 3,8
Sardegna 54.224 1,1 7,7 3,3

Le regioni con più immigrati regolari stranieri in assoluto sono la Lombardia, il Lazio e l’Emilia-Romagna. Se andiamo a vedere le % in relazione al totale della popolazione i primi tre posti della classifica cambiano: prima Emilia-Romagna con il 12% e seguono sostanzialmente alla pari Lazio e Lombardia.Prima regione del sud in questa classifica è l’Abruzzo, al dodicesimo posto, dove la percentuale di immigrati rappresenta il 6,6% della popolazione totale. Se guardiamo però la crescita o decrescita rispetto all’inizio dell’anno si scopre come Basilicata, Sardegna, Molise e Abruzzo siano le regioni italiane che hanno visto la maggior crescita relativa di stranieri.

Precedente Istat, bilancio demografico. Il ruolo degli immigrati e la questione meridionale. Successivo AS Roma, presenze allo stadio 2017/18