LA POVERTA’ A ROMA, MUNICIPIO PER MUNICIPIO

Nei giorni scorsi è uscito un allarmante Rapporto della Caritas Roma. Tra i tanti dati presentati, vi sono due focus sui municipi che meritano di essere ulteriormente approfonditi.

Il primo riguarda quanti sono gli anziani con reddito inferiore agli 11.000 euro, con un dettaglio che evidenzia la situazione in ogni municipio di Roma. Il secondo riguarda invece le famiglie con minori che hanno un reddito inferiore ai 25.000 euro.

Purtroppo questi dati non sono confrontati direttamente con il numero di abitanti, nel primo caso, o con il totale delle famiglie, nel secondo caso. Poiché è significativo anche capire le dimensioni percentuali del problema siamo andati a recuperare dal Rapporto “LA POPOLAZIONE DI ROMA Struttura e dinamica demografica Anno 2015”. Il dato non è lo stesso ma è sovrapponibile (scarto dello 0,003%).

 

 

La povertà a Roma. Dettaglio per municipi

           
MuniPopolazionePersone anziane con reddito inferiore a 11.000 euro%Numero di famiglieFamiglie con minori e reddito sotto i 25.000 euro
118680291304.8910641066306.23
216773680464.88743151035.84
3204514106185.199765377977.98
417708496855.478097673949.13
5246471150546.111165471216210.44
6256261118824.641075241672915.56
7307607165465.38147051112187.63
813108262134.746553342836.54
918051165993.668111464527.95
10230544104414.531016531136711.18
1115487189425.7771052733410.32
1214099679625.656772652917.81
1313381377625.86164461459.97
14190513101995.3589268935610.48
1515856178624.9674475796010.69
Dato Roma Capitale 2015Dati Rapporto CaritasDato Roma Capitale 2015Dati Rapporto Carita
Elaborazione su dati Caritas 2019

Nel quadro che emerge è doverosa una considerazione. Quando passiamo a rapportare i nuclei familiari con minori al totale delle famiglie dei municipi è ragionevole immaginare che la media di componenti delle prime sia maggiore della media generale, per cui quando si vede che in sesto municipio i nuclei familiari con minori e basso reddito sono più del 15% delle famiglie, parliamo di un numero di persone fisiche molto superiore, anche sopra il 20%. Questo aspetto andrà approfondito a breve, ma è decisamente preoccupante. Il fenomeno della povertà relativa nei nuclei familiari con figli ha dunque una dimensione anche maggiore di quanto emerge nei dati presentati.

Vi è poi una riflessione più generale. Molte delle attuali pensioni sono generate ancora da un sistema retributivo. Nel tempo cresceranno i pensionati con il sistema contributivo e la ‘generazione precaria’: da qui a dieci anni è ragionevole ipotizzare un peggioramento consistente del dato relativo agli anziani sotto soglia di povertà.

Precedente Ebook, bestseller 16 gennaio Successivo LIBRI DIGITALI – LE VENDITE PREMIANO LE DONNE