Gli ‘altri di centrosinistra’, quanto valgono gli alleati del PD?

PRIMI AFFANNI DELLA MAGGIORANZA

Nei sondaggi più recenti si assiste ad una caduta del Movimento 5 stelle e ad una compressione della Lega. Pur restando su livelli alti di consenso (sotto il 60% ma sopra il 55%), le intenzioni di voto intorno alla coalizione di governo sono in discesa da qualche tempo. Cui prodest?

PD, QUOTA 20% ANCORA LONTANA

Di questa situazione sembra avvantaggiarsi solo marginalmente il PD che rimbalza dal minimo del 16% ad un range tra il 17/18%. Insomma si frena la caduta, si recupera un punto ma l’impressione è che la soglia – anche psicologica- del 20% sia in questo momento lontana.

IL RESTO DEL CENTROSINISTRA COME VA?

Alle ultime elezioni il PD ha avuto un solo alleato di peso, i radicali di Emma Bonino, e qualche lista da ‘zero virgola’. Nonostante la crisi ufficiale di Leu, questa formazione viene ancora registrata dai sondaggi così come pure la più radicale formazione di Potere al Popolo. Con la premessa doverosa, cioè che al momento non è in corso alcuna trattativa di costruzione di coalizione ampia o stretta intorno ad un frastornato PD, proviamo a vedere – stando ai sondaggi attuali, quanto varrebbe l’insieme delle liste cosiddette minori in un campo ampio, da Potere al Popolo ai Radicali.

Stando alle rilevazioni degli ultimi 7/10 giorni i numeri che presi uno ad uno sono piccoli quando si vanno a sommare iniziano a diventare una interessante massa critica:

Prendendo i dati SWG (sondaggio 21/11 pubblicato oggi) le liste rilevate registrano insieme il 7,7%:

+EUROPA DI E. BONINO 2,8
POTERE AL POPOLO 2,6
LIBERI E UGUALI 2,3

Ovviamente vanno usate tutte le precauzioni del caso, come va pure considerato che SVP non è registrata, ma il dato ha un suo valore.

Altrettanto dicasi per il sondaggio Index per Piazza Pulita, degli stessi giorni. Con analogo azzardo, abbiamo che le forze del centrosinistra oltre il PD insieme fanno il 6,3%. Sempre al netto di SVP..

+Europa: 2,3%
PAP: 2,0%
Articolo1-MDP: 2,0%

Più generoso il dato di Winpoll (24 novembre) che mette però anche una voce ‘altri centrosinistra’ In questo modo la somma va all’8,6%, così ripartito:

Potere al Popolo 1,4%
Liberi e Uguali 2,0%
Altri csx 2,5%
Più Europa 2,7%

Insomma, oggi i potenziali alleati del PD valgono tra il 6,5% e l’8,6% un dato che sommato a quello dei democratici rimetterebbe in pista il centrosinistra almeno come potenziale secondo polo politico del paese.

 

Precedente 5x1000 i maggiori beneficiari regione per regione Successivo Effetto Black Friday sulla classifica degli ebook? (dati 28/11/18)