Europee, nei municipi finisce 8 a 7 per la destra

Finite le elezioni europee, a Roma parte la lunga corsa alla successione di Virginia Raggi. Numeri alla mano, infatti, l’attuale sindaca sembra oggi più che mai tagliata fuori dalle prossime elezioni comunali. I dati delle europee assegnano al Movimento 5 Stelle il 17,58%, in calo netto anche rispetto al dato raccolto alle regionali del 2018 da Lombardi, cui andarono il 26,45% dei consensi dei romani.

Può apparire come un azzardo politico oltre che statistico trasferire i dati di una elezione proporzionale come quella europea alla scelta di sindaci e presidenti di municipio. L’esercizio può tuttavia aiutare a capire le dinamiche in atto, soprattutto se tali dati vengono integrati da quelli delle regionali (post a seguire).

Per confrontare omogeneamente le coalizioni di destra e sinistra abbiamo definito nel modo che segue le due coalizioni.

Per il centrodestra si è assunto che siano tre le liste che potenzialmente si coalizzeranno, oltre eventuali civiche: Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia. Questa coalizione, abbastanza consolidata a livello nazionale, è comunque più ampia di quella del 2016, quando Forza Italia appoggiò Alfio Marchini contro Giorgia Meloni, sostenuta anche dalla Lega.

Per quanto riguarda il centrosinistra si è presa a riferimento la coalizione larga di Zingaretti del 2018, includendo tutta la lista ‘A sinistra’, i verdi e i Popolari per l’Italia. Anche in questo caso si tratta di una coalizione ricorrente ma non scontata.

Un’ultima considerazione. I dati di riferimento sono quelli attualmente disponibili sul sito elettorale di Roma Capitale (http://www.elezioni.comune.roma.it) che non sono ancora stati consolidati dall’Ufficio Elettorale. E’ possibile qualche scostamento, ma se sarà nell’ordine consueto non andrà a cambiare il senso del voto espresso e dell’analisi che segue.

Con queste premesse, aggregando in questo modo i dati, uscirebbe fuori che a Roma le due coalizioni si equivalgono e stanno intorno al 40%, con una differenza di soli 1194 voti in più per la coalizione di centrodestra.

A livello cittadino si ha allora la seguente situazione, con una riga ulteriore che riporta anche il dato delle coalizioni del 2018:

Rispetto alle elezioni regionali del 2018, il centrosinistra ha un miglioramento intorno al 3% del proprio risultato ma il centrodestra registra rispetto al dato dell’allora candidato Parisi un vero salto exploit, +12%. Così se un anno fa Zingaretti diede 11 punti di scarto a Parisi, oggi la situazione vede un equilibrio quasi perfetto tra le coalizioni.

Andando ad aggregare in modo analogo sui singoli municipi le coalizioni, abbiamo come risultato che il centrodestra è in vantaggio in otto municipi mentre il centrosinistra lo è in sette. Prima di entrare nel dettaglio due considerazioni d’insieme: la prima è che il centrosinistra vince nei sette municipi in cui è più alta l’affluenza, mentre il centrodestra vince nei municipi in cui l’affluenza è più bassa; la seconda è che (in attesa dei dettagli delle singole sezioni elettorali) ad occhio la geografia politica di Roma a livello municipale appare come una divisione per punti cardinali leggermente rotati, con l’eccezione del Muncipio XII.

Di seguito il dettaglio:

MUNICIPIO I – MUNICIPIO II – MUNICIPIO III AVANTI CENTROSINISTRA

MUN AFFL MUN AFFL MUN AFFL
1 52% 2 57% 3 51%
LEGA 13.492 19,46 14.421 19,11 20.215 23,86
FRAT D’ITALIA 5.455 7,87 6.821 9,04 7.534 8,89
FORZA ITALIA 5.084 7,33 6.459 8,56 4.467 5,27
EUROPEE 19 24.031 35 27.701 37 32.216 38
PD 28.620 41,28 30.391 40,28 27.704 32,69
PIU’ EUROPA 4.128 5,95 4.936 6,54 3.653 4,31
“SINISTRA” 2513 3,62 2130 2,82 2649 3,13
VERDI 1.700 2,45 1.893 2,51 2.010 2,37
POP x ITALIA 177 0,26 264 0,35 202 0,24
EUROPEE 19 37.138 54 39.614 53 36.218 43
Differenza Dx-Sx 13.107 19 11.913 16 4.002 5
M5S
EUROPEE 19 6.874 9,92 6.787 9 14.236 16,8

Tutti e tre i municipi sono a guida centrosinistra, anche se con storie molto diverse tra loro, ma anche il III municipio presenta uno scarto superiore alla media cittadina.

 

MUNICIPIO IV – MUNICIPIO V – MUNICIPIO VI AVANTI CENTRODESTRA

MUN AFFL MUN AFFL MUN AFFL
4 49% 5 47% 6 42%
LEGA 18.892 26,74 25.823 29,65 28.539 36,76
FRAT D’ITALIA 6.383 9,04 7.155 8,22 6.408 8,25
FORZA ITALIA 3.132 4,43 3.392 3,89 3.793 4,89
EUROPEE 19 28.407 40 36.370 42 38.740 50
PD 20.244 28,66 22.472 25,8 13.575 17,49
PIU’ EUROPA 2.149 3,04 2.437 2,8 1.471 1,89
“SINISTRA” 1942 2,75 3399 3,9 1318 1,7
VERDI 1.391 1,97 1.834 2,11 1.102 1,42
POP x ITALIA 143 0,2 196 0,23 122 0,16
EUROPEE 19 25.869 37 30.338 35 17.588 23
Differenza -2.538 -4 -6.032 -7 -21.152 -27
M5S
EUROPEE 19 14.234 20,15 17.783 20,42 19.293 24,85

E’ il ‘quadrante est’ per eccellenza, ma con situazioni molto diverse. Mentre il VI municipio appare saldamente a destra, il IV presenta uno scarto più contenuto, quasi ‘a specchio’ rispetto al vicino terzo Municipio.

MUNICIPIO VII-VIII-IX AVANTI CENTROSINISTRA

MUN AFFL MUN AFFL MUN AFFL
7 50% 8 50% 9 51%
LEGA 31.024 24,45 11.101 19,53 18.035 23,48
FRAT D’ITALIA 10.249 8,08 4.664 8,21 7.955 10,35
FORZA ITALIA 5.801 4,57 2.740 4,82 4.279 5,57
EUROPEE 19 47.074 37 18.505 33 30.269 39
PD 40.102 31,6 21.762 38,29 23.647 30,78
PIU’ EUROPA 4.985 3,93 2.526 4,44 3.252 4,23
“SINISTRA” 4104 3,23 2200 3,87 1835 2,39
VERDI 2.977 2,35 1.588 2,79 1.832 2,38
POP x ITALIA 405 0,32 119 0,21 204 0,27
EUROPEE 19 52.573 41 28.195 50 30.770 40
Differenza 5.499 4 9.690 17 501 1
M5S
EUROPEE 19 23.959 18,88 8.706 15,32 13.996 18,22

Nel sud est della città prevale bene nel municipio di Ostiense-Garbatella il centro sinistra mentre è più contenuto il distacco in VII. Sostanzialmente in pareggio il IX municipio.

MUNICIPIO X – MUNICIPIO XI – MUNICIPIO XII A SINISTRA SOLO IL DODICESIMO

MUN AFFL MUN AFFL MUN AFFL
10 47% 11 46% 12 50%
LEGA 24.566 29,24 15.758 27,71 13.316 22,41
FRAT D’ITALIA 6.455 7,68 4.977 8,75 4.391 7,39
FORZA ITALIA 4.163 4,95 2.656 4,67 3.214 5,41
EUROPEE 19 35.184 42 23.391 41 20.921 35
PD 19.983 23,78 16.327 28,71 22.032 37,09
PIU’ EUROPA 2.719 3,24 1.908 3,36 2.899 4,88
“SINISTRA” 1968 2,34 1583 2,78 2026 3,41
VERDI 1.942 2,31 1.173 2,06 1.495 2,52
POP x ITALIA 134 0,16 78 0,14 99 0,17
EUROPEE 19 26.746 32 21.069 37 28.551 48
Differenza -8.438 -10 -2.322 -4 7.630 13
M5S
EUROPEE 19 19.763 23,52 11.041 19,42 8.720 14,68

Situazioni diamentralmente opposte per Decimo e Dodicesimo municipio, con l’Undicesimo che registra un vantaggio di quattro punti del centrodestra.

     

MUNICIPIO XIII – MUNICIPIO XIV – MUNICIPIO XV VITTORIA DELLA DESTRA

MUN AFFL MUN AFFL MUN AFFL
13 48% 14 47% 15 47%
LEGA 14.259 28,23 19.188 26,47 16.689 28,72
FRAT D’ITALIA 4.764 9,43 6.918 9,54 6.170 10,62
FORZA ITALIA 3.018 5,97 4.105 5,66 5.335 9,18
EUROPEE 19 22.041 44 30.211 42 28.194 49
PD 14.575 28,85 21.026 29 16.425 28,26
PIU’ EUROPA 1.937 3,83 2.695 3,72 2.615 4,5
“SINISTRA” 1269 2,51 1854 2,56 941 1,62
VERDI 1.060 2,1 1.561 2,15 1.056 1,82
POP x ITALIA 98 0,19 152 0,21 128 0,22
EUROPEE 19 18.939 37 27.288 38 21.165 36
Differenza -3.102 -6 -2.923 -4 -7.029 -12
M5S
EUROPEE 19 8.358 16,55 13.193 18,2 7.602 13,08

Si conferma a destra il municipio XV (ex Ventesimo), l’unico in cui alle regionali vinse Parisi. Tornano a destra, con dati simili al Municipio XI, il Tredicesimo e il Quattordicesimo.

 

 

 

 

Precedente Calcio, la 'fidelizzazione' dei tifosi Successivo FOCUS XI MUNICIPIO. Il voto 'volubile' della periferia.