Lavoro: triplica il divario Nord-Sud. 1977/2017: una generazione perduta?

Il divario tra nord e sud del paese è questione storica, che affonda le radici nella stessa nascita dello Stato nazionale. Più se ne parla e meno però sembra si riesca ad affrontare. Mentre escono dati confortanti sulla ripresa occupazionale, un approfondimento dell’Osservatorio dei Consulenti del Lavoro sui dati storici dell’Istat evidenzia come nell’arco di una generazione lavorativa (1977-2017) il divario sia drammaticamente peggiorato, come scrive nel suo comunicato stampa:

Precedente Il socialismo? Buono per mezzo mondo. Scuola, sanità, reddito di cittadinanza e tasse mettono tutti d'accordo. Successivo Rapporto Istat 2018: a che servono le biblioteche?